Archivi categoria: Bellezza

Mente ed energia

02-2018

di Flavio Mola

La psiche è una sfera immersa nel cosmo che interagisce con le realtà in esso contenute. La sua esistenza incontra la luce ma anche il buio. Essa oscilla tra la consapevolezza e il suo contrario. In alcune circostanze, nel contesto energetico in cui è immersa, gode della luce della conoscenza di se stessa, in altre, la barriera dell'oscurità non la informa sulla sua misteriosa natura.

Articolo riservato agli abbonati. Fai il . Non sei abbonato? Abbonati

Amore esclusivo, amore relativo e tempo

01-2018

di Flavio Mola

Nel 1973 uno dei migliori cantautori italiani, Edoardo Bennato, dava alla luce un long plain intitolato Non farti cadere le braccia. Una settimana... un giorno... era un brano tra i brani di questa stupenda opera musicale le cui parole provocano ancora una piacevole e nostalgica scossa di emozioni e non solo questo...

Articolo riservato agli abbonati. Fai il . Non sei abbonato? Abbonati

Dante e Freud

12-2017

di Flavio Mola

Chi non ha letto la Divina Commedia di Dante Alighieri? Certo è che le mattinate trascorse sui banchi di scuola ad ascoltare la professoressa di lettere che faceva lezione sull’Inferno, sul Purgatorio e sul Paradiso, potevano essere interpretate come un momento intriso di misticismo e di poesia; non di rado ci si distraeva per guardare il compagno o la compagna di banco; così la magia dell’amore si confondeva con quella delle immagini create dall’elegante linguaggio dantesco…

Continua la lettura di Dante e Freud

L. N. Tolstoj. La tensione creativa e il rigore morale di un’anima russa

10-2017

di Nicola Di Mauro

L’opera letteraria di Lev Nikolaevič Tolstoj ha avuto il pregio di definire caratteri e atmosfere e situazioni di vita, che riflettevano le speranze e le inquietudini della Russia e dell’Europa del XIX secolo. La sua influenza stilistica fu considerata un modello unico di statura e respiro mondiali, un precedente letterario di prima e assoluta grandezza, a cui tutti gli scrittori a venire non poterono non ispirarsi.

Articolo riservato agli abbonati. Fai il . Non sei abbonato? Abbonati

Cesare Zavattini. Un umorista ineguagliabile del Cinema italiano

08-2017

di Nicola Di Mauro

La casa editrice Bompiani ha pubblicato alcuni volumi, che raggruppano l’intera opera letteraria di Cesare Zavattini (Luzzara 1902 – Roma 1989). Tra queste pubblicazioni, l’ultima uscita in libreria è “Al macero”, curata da Gustavo Marchesi e Giovanni Negri. La produzione letteraria ivi inserita, ironica e surreale, era, per bocca dello stesso intellettuale emiliano, da gettare «al macero», in quanto egli stesso diceva: «Io postumo non mi interesso». Di qui il titolo scelto per il volume.

Continua la lettura di Cesare Zavattini. Un umorista ineguagliabile del Cinema italiano

I primi decenni del Novecento raccontati in dieci romanzi

07-2017

di Nicola Di Mauro

Possono grandi opere letterarie, come alcuni famosi romanzi classici, identificare nelle loro trame, nei loro intrecci, nei loro personaggi un periodo storico complesso quale è stato quello della prima metà del XX secolo, riscoprendone aspetti e contesti delineati a fondo in quelle opere narrative e in modo molto efficace? A questo non facile interrogativo ha provato a rispondere, in modo esauriente, Guido Davico Bonino, già docente di Letteratura Italiana presso le Università di Cagliari, Bologna e Torino, con il libro elegante e raffinatissimo “Giro di Boa”.

Continua la lettura di I primi decenni del Novecento raccontati in dieci romanzi

Giorgio Bárberi Squarotti, un’inconfondibile impronta critica della Letteratura Italiana

05-2017

di Nicola Di Mauro

Giorgio Bárberi Squarotti, allievo di Giovanni Getto, è stato uno dei più grandi critici letterari del Novecento. Dal 1967 al 2003 è stato Professore Ordinario prima di Letteratura italiana moderna e contemporanea e poi di Letteratura italiana. Professore Emerito dal 2004. Fondamentali sono stati i suoi saggi su Dante, Machiavelli, Tasso, Manzoni, Pascoli, D’Annunzio e tanti altri grandi protagonisti della nostra letteratura. Ha lasciato un contributo prezioso sia negli studi letterari, sia nella ricerca poetica. Grande figura di riferimento nel panorama della critica letteraria italiana.

Continua la lettura di Giorgio Bárberi Squarotti, un’inconfondibile impronta critica della Letteratura Italiana

Mario Schifano e il suo tempo

04-2017

di Flavio Mola

Gli anni '60 e '70 ancora oggi illuminano la memoria di chi, senza né arte né parte o come attivo protagonista, in quegli anni ha vissuto. Fatti e tendenze di quel periodo stimolano ancora oggi la riflessione sulle dinamiche sociali e sugli atteggiamenti degli individui che in quelle dinamiche si sono trovati coinvolti. Un'azione, un pensiero, un fatto, come una moda, una scoperta, un'opera d'arte, sono l'output e l'input di un flusso temporale in uno spazio di eventi. Così, le idee, il modo di vivere e i risultati delle attività di uno scienziato, di un artista o di un qualsiasi altro individuo, saranno unici e irripetibili, anche se nella loro similarità e analogia, come lo sono anche i fatti della storia.

Articolo riservato agli abbonati. Fai il . Non sei abbonato? Abbonati