Guerra, fame e rivolta

08-2017

di Graziano Chiura

La “rivolta del pane” avvenuta a Torino nell’agosto del 1917 conferma il legame tra la guerra, la mancanza di cibo e le rivolte. In quei “caldi” giorni estivi i torinesi trovarono gli scaffali vuoti delle panetterie e diedero sfogo a tutte le sofferenze finora patite a causa del conflitto. Inclusa l’incomprensione della motivazione della guerra in corso. La protesta veniva ben illustrata in una scritta comparsa in quei giorni sui muri della città “I mutilati chiedono pane”.

Articolo riservato agli abbonati. Fai il . Non sei abbonato? Abbonati