III Trasformazioni delle identità

08-2017

di Flavio Mola

Il modello bisessuale, la politica della differenza

Nel settecento l'idea di una differenza biologica tra i sessi prese gradualmente il posto del modello monosessuale e gli organi riproduttivi divennero la base di codesta distinzione. Alla donna veniva riconosciuto un nuovo status: individuo non più passivo e irrazionale, ma capace di controllare istinti e passioni, e così anche all'uomo: non più del tutto razionale, ma dominato dal desiderio e dai piaceri della carne.

Articolo riservato agli abbonati. Fai il . Non sei abbonato? Abbonati