Recensioni acqua

10-2016

 Libri per approfondire l’argomento acqua

Dove l’acqua scorre. Dalla creazione alla Gerusalemme di lassù

copUn’interessante pubblicazione sull’acqua è il libro scritto da Cristiana Dobner, suora carmelitana, studiosa di filosofia e biblista: Dove l’acqua scorre. Dalla creazione alla Gerusalemme di lassù (Monti 2015). Il volume tratta il tema dell’acqua come è ripreso, svolto e sviluppato nella Bibbia. Sono 18 capitoli dedicati all’acqua come protagonista assoluta della Bibbia. Li introduce, in un certo senso, un passo del Talmud: “La parola di Dio è come l’acqua. Come l’acqua non si conserva in vasi d’oro o d’argento, ma nella povertà dei recipienti di terracotta, così la parola divina si conserva solo in chi rende se stesso umile come un vaso di terracotta”. Dalle acque primordiali della creazione a quelle del diluvio, dalle acque del Mar Rosso al fiume Giordano, dalle acque come fonte battesimale di Giovanni il Battista all’acqua trasformata in vino a Cana, dall’acqua richiesta e donata alla donna samaritana presso il pozzo di Giacobbe all’acqua che scorre insieme al sangue dal costato di Gesù trafitto dalla lancia. La tradizione ebraica e cristiana dialogano sull’acqua attraverso i passi biblici in cui essa viene descritta e presentata fino al libro dell’Apocalisse che esorta a prendere gratuitamente “l’acqua della vita”.

Il pianeta tossico

2pt5656024_304197Altro libro interessante è il lavoro fatto da Giancarlo Sturloni, giornalista che si occupa di problematiche ambientali: Il pianeta tossico (Piano B edizioni 2014). Il volume intende mettere in luce le responsabilità dell’uomo circa i cambiamenti climatici, che provocano lo scioglimento dei ghiacciai, l’innalzamento del livello dei mari, la deforestazione, le migrazioni in atto, le guerre per l’accaparramento delle risorse, ecc.
Se a causare la morte e l’estinzione dei dinosauri tanto tempo fa fu un asteroide. Oggi l’asteroide siamo noi, secondo l’analisi dell’autore, che provoca il declino ecologico del pianeta terra. Che cosa occorre fare? Il giornalista dimostra di avere fiducia nell’umanità, essa saprà come risolvere in extremis i problemi che ha causato, cambiando stili di vita, facendo scelte politiche più responsabili, mettendo in atto un’economia più rispettosa della dignità umana e della natura, pur di continuare a sopravvivere.

Le sette opere di misericordia

«In futuro l’acqua sarà contesa più che mai in passato. Già oggi assistiamo a casi in cui un paese sottrae a un altro i corsi d’acqua, deviandoli, o utilizza i fiumi solo a proprio vantaggio, senza riguardi per gli stati confinanti. Condividere equamente le risorse idriche e, allo stesso tempo, assicurarle a tutta l’umanità sono istanze della politica mondiale. Non dobbiamo inquinare le risorse idriche, ma anzi gestirle con cura. La medicina ha riconosciuto quanto sia importante l’acqua salubre per l’essere umano. L’acqua non pulisce soltanto l’esterno, ma anche l’interiorità dell’essere umano. Garantire acqua salubre per tutti in maniera duratura è il compito politico ed economico del futuro» (da ANSELM GRÜN, Le sette opere di misericordia. Perché il mondo sia trasformato, 2015 Queriniana, p. 36)

Il libro dell’acqua

4il-libro-dell-acqua-114805Alok Jha, fisico e giornalista scientifico per il Guardian e la Bbc, con Il libro dell’acqua ( Bollati Boringhieri 2016 ), ci conduce alla scoperta del liquido più importante del pianeta e ci fa riflettere sulla necessità  di affrontare l’emergenza acqua.  L’autore racconta  la sua storia , fatta di continue trasformazioni, dalle origini nello spazio agli sprechi, alla carenza e all’inquinamento odierni.  Propone il riciclo quale rimedio alla sua scarsità e segnala la singolarità di possedere regole tutte sue (es. in forma solida galleggia sulla sua versione liquida). Ci fa conoscere luoghi straordinari estremi dove l’acqua è presente in forme diverse dall’Antartide al deserto salato di Yungay. Molto deve essere ancora studiato e compreso dell’acqua, del resto da sempre ogni uomo ne è affascinato, perché ovunque è presente, anche in piccolissime percentuali, c’è vita.